New York City

NY-MI: sola andata (pt.2)

📝 Francesca Gorza

Prosegue la nostra conversazione con Jaclyn DeGiorgio.

Continuiamo a parlare di food, beverage e ristoranti, ma anche di comunicazione e strategia. Un occhio ai social e uno al mondo reale, per cercare di non fare troppa confusione...

- Hai un blog, profili social e da un po' anche un podcast. Qual è il canale di comunicazione che ti è più congeniale e qual è il più difficile da gestire? 
<<Sicuramente, potrei organizzare meglio la gestione di tutto! Penso che il blog sia stato utile perché ha spinto le persone a contattarmi e mi ha offerto molte opportunità. Vivo alti e bassi con i social network: al momento sto dedicando a questi strumenti minore tempo. Penso che siano molto efficaci, ma non sono una fan degli algoritmi che ti inducono a passare più tempo possibile attaccato allo schermo a “scrollare” le immagini.

The Milanophiles podcast


Rilancerò la mia newsletter quest’autunno. Ho avuto un periodo molto frenetico e ho rallentato il ritmo delle pubblicazioni, ma tornerò a regime. Mi piace davvero. È una piattaforma efficace che mi ha portato opportunità e mi ha permesso di rimanere in contatto con i clienti.
Il podcast (The Milanophiles) è divertente e richiede molto lavoro. Più di quanto immaginassi, ma non mi lamento! Sto preparando la seconda stagione e sto cercando di gestire il mio tempo in modo da potermici dedicare al meglio.>>

- I podcast esistono da anni, come mai secondo te sono esplosi solo ultimamente?
<<Detesto perdere tempo, quindi adoro i podcast perché mi permettono di usare il mio tempo in modo saggio (sono degli strumenti multitasking che consentono di imparare). Ho sempre un libro con me, quindi ho sempre qualcosa da fare quando sono in fila, seduta in una sala d'attesa o quando devo ammazzare il tempo tra una riunione e un appuntamento. Anche a casa, se cucino pulisco o lavoro, ascolto un podcast.
A Milano cammino ovunque. Ovviamente non posso leggere un libro mentre cammino, ma ogni volta che sono in giro, di solito ascolto un podcast o un audiolibro per massimizzare il mio tempo. I podcast mi piacciono perché generalmente non sono un grande impegno: gli episodi di solito non superano un'ora o due. Inoltre, consentono di avere a portata di mano una vasta libreria audio gratuita su qualsiasi argomento. Puoi scegliere di ascoltare l'ultimo episodio di un podcast che ti piace o un episodio di un podcast a caso su qualcosa che ti interessa. A differenza della radio in diretta, è anche completamente autonomo: non ti sintonizzi su un canale, ma hai una risorsa che ti consente di mettere in pausa e riprendere più tardi dallo stesso punto in cui ti sei interrotto. Al giorno d'oggi la maggior parte dei programmi radiofonici dispone di supplementi di podcast in cui puoi scaricare qualsiasi episodio che ti sei perso, ma c'è qualcosa nei podcast tematici che li rende ancora più accessibili. Puoi cercare e trovare la cosa che ti attrae di più.>>

- È più importante la qualità o una buona strategia di comunicazione?
<<Sostengo entrambi, ma la qualità prevale sulla comunicazione. Un buon piano di comunicazione comprende diverse sfaccettature. I ristoranti che si prendono sul serio vogliono coinvolgere le persone giuste per creare “rumore” – e ci sono modi per farlo al di fuori dei social (scrivendo del buon materiale per la stampa, facendo delle pubbliche relazioni e inviando inviti ai media). Tuttavia, parlerò dei social media.
Al giorno d’oggi, penso che i social media guidino molte decisioni aziendali e penso che dare priorità ai social media sia un po’ miope se è lì che si concentra tutta l’energia. Alcuni posti sono progettati esclusivamente per il bene dei social network, ma potrebbero non prendere in considerazione altri fattori cruciali come la qualità e la coerenza: “a chi importa che sapore ha questo hamburger? Basta che faccia bella figura su Instagram...”
Capisco che i social media siano quasi essenziali al giorno d'oggi, ma non dovrebbero essere la stella polare. Se quell'hamburger ha un sapore schifoso o ha uno stile diverso da come è apparso su Instagram, sarà una delusione per la clientela.
Penso che i brand debbano identificare con precisione chi/cosa sono e il loro pubblico, e non dovrebbero perderlo di vista. Naturalmente, i social network possono essere vitali per costruire visibilità, ma non dovrebbero essere l’asse attorno al quale tutto si evolve. È essenziale che il personale sia felice e trattato bene: lo staff tratta direttamente con la clientela, quindi deve emettere buone vibrazioni. Non vuoi solo portare persone nel tuo locale, vuoi che tornino e parlino di te.
Alla fine, la qualità parla da sola. Puoi portare chiunque al ristorante con un buon piano di comunicazione, ma se la qualità è scadente, le persone non torneranno e parleranno comunque di te: male. Se offri qualità, anche se non hai una strategia di comunicazione, le persone parleranno comunque di te, e ne parleranno bene. La qualità è parte integrante della costruzione di un’azienda che vuole durare nel lungo periodo. Ma senza qualità (sia sul fronte del cibo che del servizio), non incentivi la clientela a farti pubblicità con il passaparola.>>

- Siamo quasi alla conclusione della nostra chiacchierata, quindi passo alle "domande di rito". La prima: dimmi tre caratteristiche fondamentali per fare il tuo lavoro.
<<Perseveranza, curiosità e coerenza.>>

Jaclyn DeGiorgio e la sachertorte

- Fantastico... sono qualità trasversali, che giovano in tutti i settori professionali. E ora la domanda più importante di tutte. Dicci: qual è il tuo dolce preferito?
<<Sachertorte!>>

Se te la sei persa, vai a leggere la Parte 1 dell'intervista.

 



Back to blog

1 comment

Fantastic!!!!!!

Elizabeth Degiorgio

Leave a comment

Please note, comments need to be approved before they are published.