Duomo di Milano

NY-MI: sola andata (pt.1)

📝 Francesca Gorza

Una nuova intervista ci fa compagnia mentre inizia l'autunno.

Ho avuto il piacere di fare una chiacchierata con Jaclyn Degiorgio, una frizzantissima newyorchese che ormai vive a Milano da 10 anni.
Parlare con lei, è stato come accendere nuove luci e osservare da angolazioni inusuali il complesso mondo del food e della ristorazione.

Ho diviso questa 'intervista fiume in due parti per lasciare spazio a tutte le interessanti considerazioni fatte da Jaclyn.

NdA: l'intervista è stata tradotta dall'inglese: english version here.
Tutte le foto presenti nell'intervista sono state gentilmente fornite da Jaclyn o prese dal suo profilo Instagram (@jaclyndegiorgio)

Jaclyn DeGiorgio

Jaclyn DeGiorgio 

- Come tradizione vuole, iniziamo con una tua presentazione. Chi sei e cosa fai?
<<Newyorkese di nascita e milanese d'adozione. Scrivo sul mio blog (A

Jaclyn food tour
Signorina in Milan) di cibo, vino e viaggi e sono la conduttrice del podcast The Milanophiles. Offro anche tour enogastronomici a Milano per gli stranieri che vengono in viaggio qui. Mi piace dire che sono la più fiera sostenitrice della mia città adottiva: difficile incontrare qualcuno più appassionato di me! Penso che Milano sia una città italiana che custodisce tantissimi segreti e vorrei che tutti la amassero tanto quanto me. Per prenotare un tour gastronomico di Milano con me, c’è la sezione tour gastronomici del mio blog.>>

 

- C'è qualcosa che accomuna la scena culinaria di Milano e quella di New York? Quali sono invece i trends o le particolarità che le caratterizzano e le differenziano?
<<Credo che ci siano più somiglianze di quanto si possa pensare. Sono sia città internazionali che città della Settimana della Moda, ma non finisce qui. I residenti di entrambe hanno una vita frenetica e camminano velocemente. Sono entrambe città laboriose e trafficate; i residenti sono curiosi e di mentalità aperta.

New York

Tuttavia, tutto a New York viene sempre eseguito su scala più grande, a volte troppo grandiosa. Milano è nota per la moda e il design, ma la sua scena gastronomica rimane trascurata e sottovalutata. Per quanto riguarda la cucina internazionale, New York è sicuramente in testa, ma Milano ospita assolutamente ottimi ristoranti internazionali.

Penso che il “problema” di Milano sia che viene messa in ombra dall’Italia. La gente generalmente dice che andrà a Parigi, Londra o New York, e tutti più o meno sanno cosa aspettarsi da ciascuna città. Se qualcuno ti consigliasse di provare un ristorante libanese, tailandese e indiano in una di quelle città, lo prenderesti seriamente in considerazione. Se qualcuno ti consigliasse un ristorante cinese o giapponese a Milano, probabilmente diresti: “Perché dovrei andarci? Sono in Italia. È il posto sbagliato per quella cucina”. E avrebbero torto a farlo, ma questa è tutta un’altra storia.>>

Cucina internazionale<<Un ristorante internazionale non si adatta al pensiero preconcetto che la maggior parte delle persone ha sull’Italia, quindi le persone ne rifiutano l’idea a priori. I viaggiatori devono cambiare il loro approccio e pensare a Milano come Milano (non all’Italia) nello stesso modo in cui pensano a New York come New York (non agli Stati Uniti), Parigi come Parigi (non alla Francia) o Londra come Londra (non all’Inghilterra). .

A  livello nazionale, tutti sanno che Milano è la città in cui accadono le cose importanti. Qui sono presenti chef stellati provenienti da tutta Italia, come Niko Romito e Norbert Niederkofler. Ma a livello globale, penso che Milano meriti più attenzione. Se riceverà l'attenzione che merita, penso anche che potrebbe stimolare la curiosità degli chef di tutta Europa e persino del mondo, a pensare di voler essere presenti personalmente sulla scena milanese. L'innovazione abbonda e il cibo e le bevande che mi capita di provare diventano ogni giorno più interessanti.>>

- La cucina secondo te è: moda, tradizione o cultura?
<<Ottima domanda! È difficile rispondere.

Sebbene la cucina li comprenda tutti e tre, credo che sia radicata nella tradizione. Ma le tendenze e la cultura influiscono sicuramente. Le tradizioni culinarie modellano la cultura contemporanea e storica di qualsiasi città o destinazione. Una tendenza in cucina potrebbe essere l’idea di rendere contemporanea una ricetta tradizionale della vecchia scuola. Ad esempio, guarda il riso al pesce persico del Lago di Como. Questo piatto semplice risale a secoli fa e rappresenta la tradizione culinaria del lago. Oggi lo puoi trovare nella sua forma più pura o interpretato in chiave rivisitata nei ristoranti intorno al lago. Gli elementi fondamentali della ricetta possono servire come base per riff più giocosi o elaborati, come gli arancini, un risotto completo (magari con un po' di bitto?), e persino decostruito come un filetto di pesce persico con un po' di riso e altri ornamenti.
C’è anche una sovrapposizione tra cultura e tendenze. È “trendy” per gli chef aggiungere un po’ di grinta ai piatti radicati nella Cucina Povera? Potrebbe essere, ma le tendenze possono aiutare a plasmare la cultura alimentare. Quindi, immagino che siano tutte foglie sullo stesso albero! Ma dirò che penso che le tendenze siano fugaci, la tradizione è costante e la cultura è in continua evoluzione.>>

- Quali sono per te gli elementi che trasformano un pasto fuori casa in un'esperienza?
<<La qualità del cibo e delle bevande influisce sicuramente, ma penso che le persone facciano l'esperienza. Non c’è niente di peggio di un ottimo pasto in pessima compagnia! Ma non intendo solo i commensali, perché si mangia spesso da soli. Ciò si estende anche al personale. Se vai in un ristorante con cibo eccellente, ma il servizio è pessimo e il personale non è ospitale, non tornerai mai più. Ma potresti tornare in un ristorante, dove forse il cibo era ok, non sensazionale, perché ti piaceva il personale.
MIlano - Brera
L'ospitalità è molto importante, soprattutto nei posti in cui sei abituale. È bello quando lo staff si ricorda di te, si ricorda del tuo ordine e dei tuoi interessi in modo che tu possa sentirti accolto e a casa. Ci sono così tanti ristoranti tra cui scegliere: i migliori dipendenti lo sanno e sono sinceramente grati agli ospiti per aver scelto il loro locale. Questo fattore riscalda l’atmosfera e aggiunge un tocco magico, contribuendo a rendere l'esperienza indimenticabile.
Vorrei aggiungere che l’Europa, e l’Italia in particolare, hanno una cattiva reputazione per il servizio distaccato. Tuttavia, penso che diverse realtà in questo paese svolgano un ottimo lavoro sul fronte dell'ospitalità/servizio facendoti sentire a casa. Lo noto molto a Milano; innumerevoli ristoranti comprendono quanto sia vitale l'elemento del servizio. Succede anche nei ristoranti informali. Molti chef, ristoratori, sommeliers e camerieri hanno lavorato all’estero e/o per alcuni dei migliori ristoranti italiani. Forse quelle esperienze hanno contribuito a plasmare il loro approccio all’ospitalità. Ma non succede solo a Milano. Mi vengono in mente, Feel a Como, Materia a Cernobbio e Marcopolo 1960 a Ventimiglia… sono solo alcuni dei posti che offrono un servizio memorabile quanto il cibo.>>

Fine prima parte!

Pausa di riflessione! Abbiamo messo sul tavolo un sacco di argomenti molto interessanti che fanno riferimento al mondo della ristorazione, ma in realtà si possono applicare a qualsiasi ambito professionale.
Solo per citarne un paio evidenzierei: l'attenzione al cliente e il fatto di restare al passo con i tempi senza perdere di vista le proprie radici e i propri valori.

La lettura prosegue con la Parte 2.

Back to blog

1 comment

Che articolo interessante! Effettivamente il punto di vista è a 360 gradi e non di parte. Sono curiosa e aspetto la seconda parte dell’ intervista che sicuramente sarà altrettanto completa e…. frizzante!!!

Maria Beatrice

Leave a comment

Please note, comments need to be approved before they are published.